290 milioni di studenti fuori dalla scuola a causa di COVID-19: l’UNESCO rilascia i primi dati globali e si mobilita per la risposta

Chiusure scolastiche in tredici paesi per contenere la diffusione di COVID-19 stanno interrompendo l’istruzione di 290,5 milioni di studenti a livello globale, una cifra senza precedenti. L’UNESCO fornisce un supporto immediato ai paesi, comprese soluzioni per l’apprendimento a distanza inclusivo.

Sebbene le chiusure temporanee delle scuole a causa della salute e di altre crisi non siano nuove, sfortunatamente, la scala e la velocità globali dell’attuale interruzione dell’istruzione non hanno eguali e, se prolungate, potrebbero minacciare il diritto all’istruzione.

Il direttore generale dell’UNESCO Audrey Azoulay

“Stiamo lavorando con i paesi per garantire la continuità dell’apprendimento per tutti, in particolare i bambini e i giovani svantaggiati che tendono a essere i più colpiti dalle chiusure delle scuole”, ha dichiarato il direttore generale dell’UNESCO Audrey Azoulay. “Sebbene le chiusure scolastiche temporanee a causa della salute e di altre crisi non siano nuove purtroppo, la scala e la velocità globali dell’attuale interruzione dell’istruzione non hanno eguali e, se prolungate, potrebbero minacciare il diritto all’istruzione”.

L’UNESCO convoglierà una riunione di emergenza dei ministri dell’istruzione il 10 marzo per condividere le risposte e le strategie per mantenere la continuità dell’apprendimento e assicurare l’inclusione e l’equità.

A partire dal 4 marzo, 22 paesi in tre diversi continenti hanno annunciato o attuato la chiusura delle scuole. Solo due settimane fa, la Cina è stata l’unica nazione a imporre chiusure.

Da allora, tredici paesi hanno chiuso le scuole a livello nazionale, con un impatto di 290,5 milioni di bambini e giovani che normalmente frequentano le classi preprimarie e secondarie superiori. Altri nove paesi hanno implementato chiusure scolastiche localizzate per prevenire o contenere COVID-19. Se questi paesi ordinassero anche la chiusura di scuole a livello nazionale, impedirebbe a 180 milioni di bambini e giovani di frequentare la scuola.

In risposta, l’UNESCO sta supportando l’implementazione di programmi di apprendimento a distanza su larga scala e sta raccomandando applicazioni e piattaforme educative aperte che le scuole e gli insegnanti possono utilizzare per raggiungere gli studenti in remoto. L’organizzazione sta condividendo le migliori pratiche per sfruttare le tecnologie mobili a basso costo a scopo di insegnamento e apprendimento per mitigare l’interruzione dell’istruzione.

La chiusura delle scuole, anche se temporanea, è problematica per numerosi motivi. Il primo è una riduzione del tempo di istruzione, che influisce sui risultati dell’apprendimento. Quando le scuole chiudono, le prestazioni educative ne risentono. L’interruzione della scolarizzazione porta anche ad altre difficoltà a misurare le perdite, compresi gli inconvenienti per le famiglie e la riduzione della produttività economica mentre i genitori lottano per bilanciare gli obblighi lavorativi con l’assistenza all’infanzia. Le chiusure aggravano anche le disuguaglianze educative: le famiglie economicamente avvantaggiate tendono ad avere livelli di istruzione più elevati e più risorse per colmare le lacune di apprendimento e fornire attività di arricchimento ai bambini che non possono frequentare la scuola.

L’UNESCO sta lavorando con urgenza per rispondere a COVID-19, una grave crisi sanitaria che ora riguarda l’intero pianeta. L’organizzazione continuerà a monitorare le dimensioni, le dimensioni e la diffusione geografica delle chiusure scolastiche e sarà pronta a supportare i paesi quando adotteranno adeguate misure inclusive.

***

Per ulteriori informazioni e dati paese per paese:
https: //it.unesco.org/themes/education-emergencies/coronavir …
Per ulteriori informazioni su Education in Emergencies:
https://en.unesco.org/themes/education -emergencies

Post a comment