SETTIMANA DI MUSICA SACRA Duomo di Monreale 9 – 13 ottobre 2018

SETTIMANA DI MUSICA SACRA

Duomo di Monreale 9 – 13 ottobre 2018

Programma

Martedì 9 ottobre, ore 21.00

Piero Monti direttore

Gabrielle Philiponet soprano

Massimo Barrale – Donato Cuciniello violini

Piero Monti, maestro del coro

Coro di voci femminili del Teatro Massimo di Palermo

Orchestra Sinfonica Siciliana -Concerto in coproduzione con il Teatro Massimo di Palermo

Antonio Vivaldi – Concerto in fa maggiore a molti strumenti RV569 per violino, due oboi, due fagotti, due corni, archi e continuo

Antonio Vivaldi – Concerto in la minore RV522 per due violini, archi e continuo

Francis Poulenc – Litanies à la Vierge noire per coro femminile e orchestra

Claude Debussy – La Damoiselle élue, cantata per soprano, contralto e coro femminile su testo 1862 – 2018 di Dante Gabriele Rossetti (nel centenario della morte di Debussy)

Mercoledì 10 ottobre, ore 21.00

Rosalia Battaglia soprano

Aurelio Schiavoni controtenore

Ensemble di musica antica “Alessandro Scarlatti”

del Conservatorio di Palermo

Valeria Caponnetto violino

Andrea Beatriz Lizarraga violino

Andrea Rigano violoncello

Luca Ghidini contrabbasso

Ignazio Maria Schifani maestro al cembalo

Concerto in collaborazione con il Conservatorio Vincenzo Bellini di Palermo

Alessandro Scarlatti – Salve Regina per soprano, alto, 2 violini e continuo

Stabat Mater per soprano, alto,

2 violini e continuo

Giovedì 11 ottobre, ore 21.00

Giorgio Carnini organista

Johann Sebastian Bach – Toccata e fuga in re min. BWV 565

Corale Nun komm’ der Heiden

Heiland BWV 659

Preludio e fuga in si min. BWV 544

Felix Mendelssohn – Sonata VI in re min. sul corale

Vater unser in Himmelreich op. 65

César Franck – Trosième choral en la mineur

Sabato 13 ottobre, ore 21.00

Fabio Maestri direttore

Vincenzo Pirrotta voce recitante

Orchestra Sinfonica Siciliana

Franz Joseph Haydn – Le Ultime Sette Parole del Nostro Redentore sulla Croce, Hob XX, 1 versione per orchestra, 1787 – Commenti poetici di Valerio Magrelli, 2009.

Post a comment