Un viaggio… Past Euphoria Post Europa

20 dicembre ore 17.30
Centro Internazionale di Fotografia (Palermo)
Presentazione del libro
“Past Euphoria Post Europa” di Fabio Sgroi
Intervengono:
Letizia Battaglia, Fotoreporter e Direttrice Artistica del Centro Internazionale di Fotografia
Aurelio Angelini, Docente di Sociologia dell’Ambiente al Dipartimento di Architettura dell’Università di Palermo
Stefano Bianchi, Editore e Fondatore della piattaforma Crowdbooks
Davide Camarrone, Scrittore e Giornalista Rai
A fine evento, è prevista una degustazione di vini offerta gentilmente dal nostro sponsor tecnico Tasca D’Almerita.

PAST-EUPHORIA / POST-EUROPA
Un viaggio nel tempo attraverso l’Europa Orientale
di Fabio Sgroi
Edizioni CROWDBOOKS
NOVEMBRE 2017

In collaborazione con il Centro Internazionale di Fotografia di Palermo e il Goethe- Institut (Palermo), CROWDBOOKS è lieta di invitarvi alla Presentazione del volume “Past Euphoria Post Europa” del fotografo Fabio Sgroi: un progetto a lungo termine, che raccoglie 74 scatti all’interno dello scenario politico ed economico europeo. Un viaggio che coinvolge 14 paesi; un percorso visivo che racchiude la quotidianità, in una società che è stata attraversata da un forte cambiamento, dovuto ai violenti effetti delle dinamiche geopolitiche, dalla caduta del Muro di Berlino all’allargamento dell’Unione Europea.
Come scenario, luoghi simbolo: piazze, statue, campi di concentramento, strade, muri e caserme, che fanno da cornice ai volti, agli sguardi e ai gesti di chi vive il presente in quei posti, segnati allo stesso tempo dal ricordo del passato e della modernità, capaci di mostrare euforia e di cadere nella malinconia. Il libro intende rappresentare il clima e la tensione generale che si vive a est, sia nei paesi che fanno già parte della Comunità Europea, sia in quelli confinanti, che vivono uno stato d’attesa.
Il volume, con la prefazione di Giovanna Calvenzi, è stato pubblicato attraverso una campagna di crowdfunding (Novembre 2017); finanziato ed edito dalla piattaforma Crowdbooks.

Dopo la presentazione ci sarà il book signing con il fotografo. Sarà possibile acquistare durante l’evento le copie del libro a un prezzo speciale.

Past-Euphoria/Post-Europa è un progetto a lungo termine del fotografo siciliano Fabio Sgroi, realizzato nell’arco di oltre un ventennio. Il libro, edito grazie alla campagna di crowdfunding della piattaforma Crowdbooks, racchiude la tensione identitaria di alcuni paesi dell’est, nel passaggio da un regime alla democrazia, all’interno di uno scenario politico ed economico più ampio, che li vede percorrere la strada dell’inclusione nell’Unione Europea.
Un cammino raccontato attraverso 74 scatti che descrivono la quotidianità, in una società che è stata attraversata da un forte cambiamento, dovuto ai violenti effetti delle dinamiche geopolitiche, dalla caduta del Muro di Berlino all’allargamento dell’Unione Europea.
Come scenario luoghi simbolo: piazze, statue, campi di concentramento, strade, muri e caserme, che fanno da cornice ai volti, agli sguardi e ai gesti di chi vive il presente in quei posti, segnati allo stesso tempo dal ricordo del passato e della modernità, capaci di mostrare euforia e di cadere nella malinconia. “Past-Euphoria Post-Europe” intende rappresentare il clima e la tensione generale che si vive a est, sia nei paesi che fanno già parte della Comunità Europea, sia in quelli confinanti, che vivono uno stato d’attesa; come la Serbia che ha un negoziato di adesione in atto dal 2014, l’Albania e la Macedonia, che hanno ottenuto lo “status” di Paese candidato.
Con la Prefazione della curatrice Giovanna Calvenzi, il libro rappresenta una delle pubblicazioni più contemporanee e di maggior prestigio della piattaforma di Crowdbooks. Le fotografie diventano le tappe di un viaggio nella storia, che ritraggono la spinta al cambiamento, gli sguardi incerti e disincantati che corrispondono a uno status che viviamo ancora oggi. Lo sguardo del fotografo è attento, consapevole e maturo; in quella che è la sua visione personale, Fabio Sgroi riesce a tradurre una disillusione collettiva e un senso di solitudine.

“Non si può chiedere alla fotografia di raccontare direttamente sentimenti ed emozioni, ma solo di ritrarre i volti di persone in preda a un
sentimento o a un’emozione o di suggerire gli stati d’animo attraverso metafore visive. Fabio Sgroi conosce il linguaggio del giornalismo
ma anche quello della metafora”.
Giovanna Calvenzi

www.fabiosgroiphoto.com
www.crowdbooks.com

Post a comment